EDITORIALE

La nuova politica UE sull’immigrazione tranquillizza ma non troppo

di Giuseppe Terranova

Anche se rappresenta un passo avanti, l’accordo sull’immigrazione, che Finlandia, Francia, Germania, Italia, Malta (forse anche Portogallo e Spagna) proveranno a sottoscrivere il prossimo 23 settembre a La Valletta, ha due criticità di non poco conto. Per capire di cosa parliamo, partiamo dal nocciolo della potenziale intesa che mira ad automatizzare fra le parti contraenti disponibili la redistribuzione immediata dei migranti che sbarcano sulle coste dell’Europa del Sud. Con tanto di penalizzazione per gli stati che non fanno la loro parte. Rispetto ... (Continua a leggere)

Segui tutti gli aggiornamenti via Email:

Dagli USA un’idea sull’asilo su cui riflettere

Martedì scorso 11 settembre la Corte Suprema americana ha emesso sull’immigrazione una sentenza carica di enormi conseguenze. In primo luogo ...

Per la Von der Leyen la riforma dell’asilo è un obbligo

“La solidarietà non può dipendere da una posizione geografica, la Convenzione di Dublino sui richiedenti asilo deve essere riformata”. Sante ...

Negli USA la tortura contro gli immigrati è di antica data

Migliaia di immigrati, molti dei quali malati di mente, rinchiusi in isolamento nelle carceri americane. Una pratica che le Nazioni ...