EDITORIALE

Tapachula ci dice l’aria che tira sui rifugiati

di Giuseppe Terranova

Da Tapachula arriva l’ennesima conferma che il sistema globale di accoglienza dei rifugiati, nato con la Convenzione di Ginevra del 1951, si sgretola ogni giorno di più. Questa cittadina messicana, al confine col Guatemala, luogo di transito per i richiedenti asilo negli USA, è oggi, come rivela Nanjala Njabola sull’ultimo numero di Foreign Affairs, teatro di una crisi umanitaria senza precedenti. Perché l’amministrazione Trump, con l’autorevole avallo della Corte Suprema statunitense, ha stabilito che i centro-americani intenzionati a chiedere protezione ... (Continua a leggere)

Segui tutti gli aggiornamenti via Email:

Immigrazione Usa, scontro senza fine

Trump e i giudici americani tornano ai ferri corti sull’immigrazione. Venerdì scorso, infatti, tre sentenze emesse una dopo l’altra dalle ...

Sui rifugiati l’Europa è alla mercé degli altri

Le politiche europee per il controllo delle frontiere esterne fanno acqua da tutte le parti. Non si fa in tempo ...

Contro Trump lasciano l’immigrazione per l’impeachment

Nella guerra contro Trump i democratici americani hanno, come si usa dire in questi casi, cambiato spalla al loro fucile. ...