EDITORIALE

Finito il lavoro sporco sull’immigrazione Trump l’ha cacciato

di Guido Bolaffi

C 'è da scommettere che l’eredità di Jeff Sessions, da ieri l’altro ex ministro della giustizia Usa, è destinata a durare forse più a lungo di quella del Capo che l’ha messo alla porta. Per la semplice ragione che i cambiamenti da lui imposti con convinta, implacabile durezza conservatrice alle procedure per la concessione dell’asilo rappresentano quasi un punto di non ritorno della politica dell’immigrazione americana. Come dimostra il fatto che Sessions, nelle stesse ore in cui Trump redigeva la ... (Continua a leggere)

Segui tutti gli aggiornamenti via Email:

Anche il Giappone si divide sull’immigrazione

Che siano troppi o troppo pochi, gli immigrati non smettono di far discutere. Ieri è toccato al Giappone. Dove, a ...

La stretta di Trump non ferma la carovana di immigrati

La carovana di immigrati centroamericani si rimette in marcia verso gli Usa. Dopo una sosta di dieci giorni a Città ...

Sui rifugiati l’Onu cambia strategia

È guidata da un italiano la silenziosa ma clamorosa rivoluzione del sistema globale di accoglienza dei rifugiati. Filippo Grandi, Alto ...