EDITORIALE

Sull’immigrazione l’UE è in un vicolo cieco

di Guido Bolaffi

Poche ore prima dell’apertura del Vertice dei Capi di Stato e di Governo europei anche la Germania, arrendendosi all’evidenza dei fatti, ha detto basta al sistema delle quote di riparto obbligatorio dei profughi e degli esuli tra i paesi dell’Unione. Una decisione, quella tedesca, che ricalca quanto già comunicato al riguardo dalla Commissione e che consente, finalmente, di chiudere un clamoroso quanto doloroso capitolo della per altro gravemente fallimentare politica dell’immigrazione europea. Che ha impiegato più di tre anni per ... (Continua a leggere)

Segui tutti gli aggiornamenti via Email:

La Salvini danese annuncia ma non fa

In Italia quando sull'immigrazione la politica non sa che pesci prendere istituisce una commissione con l’incarico di trovare, ovviamente nel ...

Cresce l’antisemitismo in Europa

Cresce l’antisemitismo in Europa. Dopo oltre 70 anni dall'orrore della Shoah la comunità ebraica si sente di nuovo minacciata. A ...

Schengen da noi muore ma nasce in Asia

Mentre in Europa la libera circolazione piace sempre meno, l’idea fa proseliti dall'altra parte del mondo. Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan ...