Troppe e pretestuose le critiche al Patto UE sull’immigrazione

In Italia, un fuoco incrociato di critiche, da sinistra e da destra, ha accolto la proposta di un nuovo Patto sull’immigrazione e l’asilo, presentata dalla Commissione Europea lo scorso 23 settembre.

Da sinistra si denuncia la deriva securitaria dell’esecutivo di Bruxelles, soprattutto laddove propone di rafforzare il sistema europeo di rimpatrio dei falsi richiedenti asilo.

Da destra se ne denuncia, invece, la deriva umanitaria perché incentrato unicamente sull’accoglienza e su una redistribuzione non obbligatoria che continuerebbe a lasciare sola l’Italia nell’adempiere l’onere della prima assistenza e accoglienza dei nuovi arrivati.

La cosa più curiosa è che ad accomunare entrambi i fronti è il piagnisteo per la mancata riforma del Regolamento di Dublino. Un j’accuse bipartisan assolutamente pretestuoso perché fa finta di non sapere che nell’ordinamento europeo un Regolamento (in questo caso quello di Dublino) non può essere modificato da una Comunicazione (questa lo strumento giuridico scelto dalla Commissione per presentare il nuovo Patto). Mentre si preferisce non notare i tanti spunti innovativi che il testo contiene. A partire dal fatto che per la prima volta si consente agli Stati non direttamente interessati dalla pressione migratoria di sostenere quelli che si trovano in prima linea, con la redistribuzione o, in alternativa, contribuendo alle complesse operazioni di rimpatrio.

Sembra quasi che i due estremi, buoni e cattivi, che da anni dominano il dibattito italiano sull’immigrazione, abbiano già da tempo firmato un loro tacito Patto che li unisce nella lotta, sia pur da posizioni opposte, per mantenere irrisolta la questione migratoria. Per la semplice ragione che in caso contrario, entrambi rischierebbero di perdere la rendita di posizione che li tiene in vita.

Ciò premesso, si potrebbe obiettare perché la Commissione abbia scelto il debole strumento giuridico della Comunicazione, non vincolante per gli Stati membri, per indirizzare i governi nazionali su un tema così divisivo e spinoso.

La verità è che quello presentato l’altro ieri è un prodotto semilavorato. Saranno le trattative in seno al Consiglio e al Parlamento europeo a renderlo un prodotto finito o a cestinarlo in assenza di un accordo. Sta qui la ragione di un documento, a tratti forse complesso, che lascia ai negoziati tra i governi il compito delle cruciali cuciture e rifiniture finali.

Se dovessimo fare una lista dei punti sui quali è sperabile che le trattative intergovernative facciano passi avanti, ne potremmo indicare tre:

-Istituzione di un sistema europeo di controllo e identificazione degli ingressi alle frontiere esterne UE. Questo consentirebbe di garantire, in tempi snelli, una netta distinzione tra gli immigrati irregolari da rimpatriare e richiedenti asilo da accogliere.

- Creazione di un sistema europeo di rimpatrio degli immigrati irregolari.

- Armonizzazione delle politiche nazionali di soggiorno e ingresso degli immigrati economici nell’UE.

Tre mosse che consentirebbero di fatto di andare ben oltre la riforma del Regolamento di Dublino.

Quattro nodi sull’immigrazione che Von der Leyen deve sciogliere

Sogno o son desto? Deve essere questa la domanda balzata nella mente di chi mercoledì scorso ascoltava Ursula von der Leyen annunciare l’imminente presentazione da parte della Commissione UE del nuovo Patto sull’immigrazione e l’asilo. Per i dettagli bisognerà aspettare il 23 settembre, ma la fedelissima di Angela Merkel ha lasciato intendere novità senza precedenti per risolvere problemi che nessuno fino a oggi aveva voluto affrontare. Soprattutto su quattro fronti che dal 2015, anno della grande crisi umanitaria, hanno evidenziato tutti i limiti della governance europea sull’immigrazione.

Il primo riguarda il Regolamento di Dublino che impone agli Stati di primo approdo l’onere di assistere, riconoscere e distinguere gli immigrati irregolari da rimpatriare dai rifugiati da accogliere. La cronaca degli ultimi anni ha reso, infatti, palese che i Paesi di frontiera, come Italia e Grecia, non possono svolgere da soli l’ingrato ruolo di portieri della fortezza Europa. Da Lampedusa a Moria non mancano le testimonianze delle autorità governative e non che denunciano centri di accoglienza al collasso, nei quali convive un’eterogenea galassia di irregolari e rifugiati che spesso attendono anche anni per un Sì o un No alla loro richiesta d’asilo.

Il secondo concerne la necessità di riuscire nei fatti a garantire una equa e solidale redistribuzione tra i 27 membri UE dei profughi arrivati negli Stati di primo approdo.

Il terzo, tra i più spinosi, interessa, invece, il bisogno di promuovere e istituzionalizzare rimpatri collettivi europei degli immigrati economici irregolari.

Il quarto è legato alle lentezze burocratiche che in mezza Europa rendono difficile, se non impossibile l’ingresso regolare degli immigrati che cercano lavoro e una vita migliore nel Vecchio Continente.

Non sappiamo se e in che termini il nuovo Patto sull’immigrazione e l’asilo contiene misure efficaci e condivise per affrontare anche solo una parte dei problemi fin qui elencati. La strada è in salita. Perché anche se la Riforma dovesse essere così rivoluzionaria, come sostenuto da Ursula von der Leyen, per entrare in vigore dovrà superare indenne il vaglio del Consiglio UE, cioè del rissoso condominio che include i singoli Stati membri.

Una sia pur flebile speranza potrebbe, tuttavia, arrivare da Angela Merkel che fino a dicembre 2020 presiede il semestre di turno del Consiglio europeo. Rinvigorita in patria dall’ottima gestione della pandemia, potrebbe essere intenzionata a cogliere questa occasione per mettere un suo storico sigillo sulla innovativa proposta di governance dell’immigrazione e fare dimenticare la sua generosa, ma impopolare, gestione dell’emergenza profughi del 2015.

A Lesbo brucia l’egoismo europeo

L’incendio che mercoledì scorso ha distrutto l’immenso campo profughi di Moria nell’isola greca di Lesbo, ha gettato una ulteriore, nuova luce sinistra sui disastri della politica migratoria europea. Per la semplice ragione che quanto accaduto nella minuta perla del Mar Egeo, è il risultato di un’inerzia che negli ultimi cinque anni ha consentito che un centro pensato per accogliere 2.500 persone si trasformasse in un accampamenti di oltre 12 mila migranti. Questo perché gli Stati europei, tranquillizzati dall’accordo UE-Turchia del 2016 sui respingimenti di coloro che provavano a superare illegalmente il confine turco-ellenico, hanno pensato bene di tornare a nicchiare sui tre grandi nodi irrisolti della politica migratoria del Vecchio Continente.

Il primo riguarda come distinguere i rifugiati dagli immigrati economici irregolari. Nell’isola di Lesbo, ma anche ad esempio a Lampedusa, le autorità non hanno i mezzi per vagliare al momento dello sbarco lo status dei nuovi arrivati. Migranti da rimpatriare, trafficanti da arrestare, rifugiati da accogliere, si ritrovano spesso stipati per anni nei medesimi centri. Che sono vere e proprie bombe socio-sanitarie a orologeria. Per chi vi abita, ma anche per la popolazione autoctona che risiede nei pressi. Ne risulta una assoluta impossibilità per le autorità pubbliche di garantire la sicurezza degli Altri e quella dei Nostri. Il contesto ideale per un potenziale scontro sociale tra chi ospita e chi viene ospitato. A peggiorare il quadro c’è lo spettro del COVID-19, che alimenta ansie e paure da un lato e dall’altro. Tuttavia, le soluzioni per uscire da questo cul de sac ci sono, manca la volontà politica. La quadratura del cerchio potrebbe inaspettatamente arrivare dalle grandi navi che l’Italia sta utilizzando per la quarantena dei nuovi arrivati e che la Grecia ha appena disposto davanti l’isola di Lesbo per ospitare i “senza casa” di Moria. Si potrebbe trasformarle in hotspot europei galleggianti, super visionati dall’UNHCR e dall’OIM, dove distinguere i rifugiati da redistribuire in sicurezza tra i paesi UE e gli immigrati economici irregolari da rimpatriare negli Stati di origine. E qui arriviamo agli altri nodi irrisolti della politica migratoria europea.

Il secondo concerne, infatti, la redistribuzione dei nuovi arrivati in seno all’UE. I big europei sono d’accordo e disponibili a condividere con gli Stati di primo approdo come Grecia e Italia, l’onere dell’accoglienza, ma solo dei rifugiati. È notizia di oggi, ad esempio, che dalle ceneri di Moria è emerso un barlume di solidarietà che ha spinto dieci Stati europei, guidati dalla Germania, a ricevere dall’isola di Lesbo 400 minori stranieri non accompagnati. È un’ottima notizia che tuttavia non risolve il problema di fondo di cui sopra: se non riusciamo a distinguere i rifugiati da accogliere e gli immigrati economici irregolari da rimpatriare come facciamo a trovare un accordo strutturale sula redistribuzione dei primi tra i 27 Stati UE?

Il terzo, forse il più delicato, ha a che vedere con i rimpatri degli irregolari. Gli Stati di primo approdo non hanno la capacità di sostenere le lunghe, costose e farraginose operazioni di rimpatrio. Tanto più che spesso manca la collaborazione degli Stati di origine. L’Agenzia europea per il controllo delle frontiere ha per statuto la possibilità di compiere rimpatri collettivi. Ne ha già fatti, ma si tratta di interventi spot perché non c’è accordo a livello europeo sulla stanziamento di maggiori fondi e mezzi atti a potenziare le capacità dell’Agenzia.

Di certo, data l’aria che tira in Europa, neppure le fiamme di Moria consentiranno di affrontare questi temi.

Tocca a noi non agli immigrati fare i figli

Non saranno gli immigrati a tirare l’Italia fuori dall’inverno demografico in cui versa da anni. Visto che anche su questo fronte la pandemia sembra solo avere accelerato trend noti da tempo: gli italiani fanno sempre meno figli e gli immigrati, a loro volta, sembrano avere adeguato assai in fretta i lori comportamenti riproduttivi a quelli dei nazionali.

A dare questa che è sicuramente una brutta notizia per i tanti secondo i quali l’immigrazione rappresenta un’efficace terapia per la nostra “malattia demografica”, è stato il Presidente dell’Istat Gian Carlo Blangiardo. Che ieri, in una lunga intervista al Corriere della Sera, ha avuto la schietta lucidità di spiegare che alla radice del “buco nero” delle nascite nel Bel Paese ci sono mali che da troppo tempo autorità di governo e pubblica opinione fanno a gara nel fare finta di non vedere. Tanto è vero che, salvo improbabili sorprese, il 2020 si dovrebbe chiudere, come avviene ormai sistematicamente da dieci anni a questa parte, con un numero di nuovi nati inferiore ai 500 mila (erano più di 1 milione nel 1964). E, contemporaneamente, con un simmetrico calo dei neonati delle famiglie straniere: 60 mila contro una media annua che in passato era di 80 mila.

Sono numeri che sul rapporto tra immigrazione e demografia indicano due verità che nel nostro confuso e ideologizzato dibattito non trovano l’attenzione dovuta.

La prima, le culle vuote non le riempiono gli immigrati. In cima alle priorità di chi arriva per ragioni economiche nel nostro paese, c’è, infatti, il miglioramento degli standard di vita. Gli immigrati, come molti giovani autoctoni, sanno benissimo che in un Paese come l’Italia, l’ambizione di prendere l’ascensore sociale mal si concilia con quella di mettere su famiglia. Ecco spiegato perché sia gli autoctoni che gli immigrati in Italia tendono, sia pur in proporzioni diverse, a fare sempre meno figli, in età avanzata con un tasso di fertilità ormai decisamente inferiore ai 2 figli per donna, considerata la soglia minima di sostituzione generazionale.

La seconda, dietro il consolidato e malandato trend demografico italiano ci sono carenze di servizi e aiuti alle famiglie che impediscono una positiva quanto indispensabile conciliazione tra i tempi di vita e quelli di lavoro. Sono anni che si accavallano le denunce sulla carenza degli asili nidi e dei centri estivi per l’infanzia, solo per fare alcuni esempi. Il COVID-19 le ha semplicemente confermate moltiplicandole.

Nicolini fa rima con Salvini

Oltre che con i cognomi, è sull’immigrazione che Matteo Salvini e Giusi Nicolini fanno rima. Il leader della Lega e l’ex-sindaca di Lampedusa, soffiano, sia pur da lati opposti, sul fuoco dell’immigrazione. Lui capofila dello schieramento securitario. Lei tra i portavoce del movimento del laissez-faire umanitario. Il primo chiede porti chiusi e tolleranza zero. La seconda vuole porti aperti e massima tolleranza verso gli ultimi che dall’Africa cercano rifugio da noi.

I due sono all’apparenza come l’acqua e l’olio. Ma nei fatti rappresentano l’incastro perfetto, l’asse dei due estremi ideologizzati che sta trasformando la gestione dell’immigrazione in Italia in una bomba ad orologeria. Tanto più in tempi di pandemia.

A confermare l’entente cordiale di Mr e Miss –ini è, in ordine tempo, la posizione espressa nei confronti delle cosiddetta navi-quarantena anti Covid-19 usate in questi giorni di fronte ai nostri porti per la prima accoglienza degli immigrati. Una soluzione, pragmatica, richiesta a gran voce da uno schieramento trasversale di sindaci di frontiera per evitare il pericolo di un contagio tra i nuovi arrivati e comunità locali, come ad esempio Lampedusa, Pozzallo e Porto Empedocle. Inutile dire che anche su questa scelta di buon senso, i due schieramenti, qui rappresentati dal Signor e dalla Signora –ini, che dominano da decenni l’agone della politica migratoria italiana, si sono accapigliati.

Il gruppo del laissez-faire umanitario ha denunciato quella che è stata definita una quarantena politico-ideologica giustificata dall’emergenza sanitaria col solo reale obiettivo di discriminare e affibbiare l’etichetta di untori ai nuovi vulnerabili arrivati.

Il team securitario risponde che ancora una volta l’Italia spreca risorse dei contribuenti (i rumors parlano di €1,5 mln al mese per nave) per accogliere, anziché respingere chi bussa alla nostra porta.

Eppure i sindaci, di destra e di sinistra, che quotidianamente fanno i conti sul come gestire la ricezione dei migranti, hanno ripetuto anche durante una recente audizione parlamentare al Comitato Schengen, di condividere l’opzione degli “hotspot galleggianti”. Anzi, ne chiedono di più.

Si tratta, peraltro, di una soluzione che potrebbe segnare, forse senza saperlo né volerlo, una sia pur involontaria svolta epocale per le politiche di asilo in Italia. Oggi le usiamo per evitare il potenziale rischio contagio tra i nuovi arrivati e le popolazioni ospitanti. Domani potrebbero essere lo strumento ideale per distinguere il luogo del riconoscimento da quello dell’accoglienza che rappresentano i veri punti dolens della questione.

Il primo, la possibilità che anche chi non ha diritto d’asilo una volta messo piede sulla terraferma si dilegui nell’attesa che le autorità valutino la sua domanda, rendendone impossibile il rimpatrio.

Il secondo, la prassi di addossare alle nazioni (e ai comuni) di frontiera l’onere di gestire la pressione di migratoria dal continente africano. Visto che una volta riconosciuti gli immigrati sugli “hotspot galleggianti”, potrebbero essere redistribuiti nel resto d’Italia o, cosa auspicabile, d’Europa.

E' una luce di buon senso nel tunnel ideologizzato in cui si trova, prima e dopo Minniti, la gestione dell’immigrazione in Italia.

I trafficanti hanno riscoperto le vecchie rotte degli schiavisti

Come i migliori broker, anche i trafficanti di immigrati diversificano il portafoglio di investimento per massimizzare i profitti. Semplicemente ampliando l’offerta dei viaggi e delle destinazioni da raggiungere clandestinamente, col duplice obiettivo di allargare il potenziale bacino dei clienti-vittime e ridurre il danno prodotto dagli eccessivi controlli sulle rotte migratorie più battute.

Non deve, dunque, stupire che nella brochure dei servizi forniti dai trafficker abbia trovato spazio anche la rotta Africa-America Latina-Stati Uniti. A denunciarlo, dalle colonne dell’autorevole rivista americana Quartz, è un recente studio dell’Organized Crime and Corruption Reporting Project sul quale ha lavorato negli ultimi 12 mesi, con rilevazioni sul campo, un equipe di esperti internazionali di traffici di esseri umani. Si scopre, ad esempio, che soltanto nel luglio 2019 la polizia di frontiera statunitense ha intercettato al confine col Messico 66 mila immigrati irregolari partiti dall’Africa. Si tratta in maggioranza di africani, per lo più congolesi e camerunesi, ma anche di asiatici. Costo del biglietto: $10 mila per i primi, $25 mila per i secondi. Con un incasso medio annuo per la criminalità organizzata che si attesta intorno ai $300 milioni dollari. Anche se a causa del Covid-19 il cash flow è destinato a ridursi.

Detto ciò, dando uno sguardo a una carta geografica, è facile intuire che quella che dell’Africa, via Oceano Atlantico, porta agli USA è una tratta per definizione residuale rispetto a quelle, più remunerative, che attraverso il Mediterraneo consentono di sbarcare in Europa. Tuttavia, essa rappresenta una novità che colpisce perché testimonia, ancora una volta, l’elevatissima capacità e velocità dei trafficanti di organizzarsi, aggiornarsi e cambiare strategia, in base alle dinamiche geopolitiche del momento. Una macchina illegale efficiente e globalizzata che ha buon gioco di fronte alle inefficienze e alle risposte nazionali dei paesi di destinazione.

Sfruttano il Covid-19 e aumentano i profitti

È in corso una sorta di ripetitivo match di tennis, dall’esito scontato, da una riva all’altra del Mediterraneo. In campo si confrontano la criminalità internazionale, che organizza le partenze dei migranti dal Nord Africa, ed i governi dei paesi di destinazione obbligati ad accoglierli.

È uno scontro impari. I primi, tonici e pimpanti, giocano a tutto campo, con continui cambi di strategia. I secondi, imbolsiti col braccino corto, subiscono colpo su colpo. La conferma arriva dall’attualità delle ultime ore nello spazio euro-mediterraneo. Nel weekend appena trascorso, sono infatti arrivati soltanto a Lampedusa più di mille migranti che portano a un totale di nove mila il numero degli arrivi via mare dall’inizio dell’anno.

Siamo lontanissimi dalle cifre emergenziali del triennio 2014-2015-2016, tuttavia c’è poco da stare sereni. Soprattutto perché a fronte dell’immobilismo dei player governativi, l’avversario (i trafficker) mostra un’inesauribile energia e fantasia nell’alimentare un business che ormai da anni genera profitti pari se non superiori a quelli derivanti dal traffico di droga.

La novità delle ultime settimane è che l’agenzia illegale delle partenze dalla riva Sud del Mediterraneo ha allargato l’offerta per i suoi clienti-vittime con maggiori disponibilità economiche. Questi ultimi, va da sé con tariffe più alte, possono, infatti, acquistare un biglietto per Lampedusa con partenza dai più sicuri porti tunisini, a bordo di piccole imbarcazioni meno sovraffollate, capaci di giungere a destinazione senza scommettere sul soccorso della marina militare o delle Organizzazioni non Governative. Per i meno abbienti, invece, rimane sempre l’opzione low cost via Libia con tempi più lunghi e il rischio di non essere salvati in tempo da qualche vascello delle ONG.

È uno scenario noto anche alle autorità giudiziarie competenti in Italia che ormai da settimane segnalano “l’ennesima riapertura” del fronte tunisino. Eppure non si muove foglia. Continuiamo a subire i colpi senza reagire. Il risultato è che per ogni sbarco di immigrati in Italia, i signori che comandano il traffico di immigrati incassano lauti proventi economici e persino consenso e popolarità tra i familiari dei migranti giunti alla meta.

Mentre l’impasse delle istituzioni lascia spazio nei centri di accoglienza e nelle piccole città che li ospitano a un potenziale scontro tra veri e finti richiedenti asilo e le popolazioni locali. Che complice l’emergenza sanitaria che si sta trasformando in economica, mal tollerano i nuovi arrivati considerati come potenziali untori. Si dirà che il popolo non ha sempre ragione. Che non tutti gli immigrati hanno il Covid-19, etc. Verissimo. Ma se di fronte a quello che accade ancora una volta in queste ore negli hotspot siciliani o calabresi, le istituzioni cincischiano. Lanciano segnali contraddittori. Dimostrano di subire e non governare il fenomeno. Di non garantire sicurezza e asilo a chi ne ha realmente bisogno. Di non tutelare le comunità locali ospitanti. Di non rimpatriare chi mente presentandosi come rifugiato, non stupiamoci della vox populi, con tutte le sue potenziali drammatiche controindicazioni. Mondragone ieri, Amantea oggi: e domani?

Con questi salvataggi si rischia l’incidente

Verrebbe da dire che sull’emergenza immigrazione nel Mediterraneo c’è qualcuno che spera succeda qualcosa di grave. È quello che viene da pensare assistendo in queste ore all’ennesimo braccio di ferro fra istituzioni e organizzazioni non governative sul se e dove lasciare attraccare la nave umanitaria di SoS Mediterranée, Ocean Viking con i suoi 180 immigrati a bordo.

La soluzione sembra vicina (trasborderanno nella nave quarantena Moby-Zaza davanti la costa agrigentina di Porto Empedocle), ma per raggiungerla si è giocato sul filo del rasoio. Partiamo dai fatti. Il caso Ocean Viking è esploso il 25 giugno. Quando l’equipaggio della Ong effettua un’operazione di soccorso e salvataggio di 51 immigrati a largo di Lampedusa. Nelle ore e nei giorni successivi altri salvataggi che consentono di issare a bordo un totale di 180 disgraziati. A quel punto scatta per più di dieci giorni la consueta ricerca di un porto sicuro. Mentre le autorità cincischiano, la situazione a bordo si complica o, secondo alcuni, viene appositamente complicata dall’equipaggio per obbligare il governo italiano a non perdere altro tempo. Si racconta di tentati suicidi, condizioni sanitarie e psiche labili, atti di protesta, scioperi della fame, etc. Quando la situazione sembra ormai sul punto di sfuggire di mano ecco la sospirata autorizzazione per la Ocean Viking a dirigersi in rada verso Porto Empedocle. I naufraghi passeranno due settimane su una nave-quarantena anti Covid-19, prima di toccare la terraferma. A breve calerà, dunque, il sipario sulla Ocean Viking, ma non ci vorrà molto per aprirne un altro con dinamiche e attori simili, se non identici. È un teatrino che va avanti da oltre un lustro. Con trame e finali scontati, anche ai non addetti ai lavori.

Ma che cosa succederebbe se nel cuore della pièce, cioè durante il consueto tira e molla in mare tra Ong che chiedono un porto sicuro e le autorità che cincischiano, dovesse accadere una tragedia? Se i tentati suicidi diventassero suicidi di massa? Se a bordo delle navi umanitarie esplodesse una bomba epidemiologico oppure uno scontro tra naufraghi immigrati con i membri dell’equipaggio o tra questi ultimi e la marina militare italiana?

Domande provocatorie? Forse. Ma che confermano l’amara verità che solo le tragedie sono in grado di svegliare dal letargo l’Europa che continua a non avere una politica sui rifugiati ordinata e sicura per chi arriva e chi riceve. Continuando a far finta di non vedere i focolai di crisi nella riva Sud del Mediterraneo quasi che gli sbarchi di immigrati in Italia siano un problema del Bel Paese e non dell’Unione.

Da Jerry Masslo a Mondragone non è cambiato niente

A cosa sono serviti trent’anni di sanatorie in Italia? E’ quello che viene da chiedersi di fronte alle condizioni abitative, sociali e lavorative dei braccianti bulgari irregolari contagiati dal Covid-19 a Mondragone. Sfruttati alla luce del sole nei campi del casertano, sono adesso confinati e mal visti dalla popolazione autoctona nei fatiscenti palazzi ex-Cirio.

Li chiamano invisibili. Ma di loro sappiamo tutto: dai dati anagrafici, al luogo di residenza fino ad arrivare ai datori di lavoro che di questa manodopera irregolare e sotto pagata fa, da sempre, quello che vuole . Non sembra, infatti, cambiato molto da quel lontano 25 agosto 1989 quando a Villa Literno (25 km da Mondragone) l’omicidio del rifugiato e attivista sudafricano Jerry Masslo svelò all’Italia intera i vizi del mercato clandestino dell’immigrazione stagionale. Che vedeva in questi immigrati gli ingranaggi ideali per sostenere un sistema agricolo arretrato e fuori dalle regole. Scoprimmo all’improvviso il caporalato, le baracche, i ghetti, gli schiavi del nuovo tipo, etc. Orrori che un robusto e trasversale schieramento politico pensò di combattere, e guarire, con una serie di regolarizzazioni a ripetizione.

In nome di questo nobile fine l’Italia è oggi saldamente al comando nella speciale classifica internazionale dei pochi paesi che hanno fatto sistematicamente ricorso a questo tipo di provvedimenti anziché ad una vera e seria politica migratoria. Tuttavia, qui la grande unicità del caso italiano, nel corso del tempo col numero dei sanati è cresciuto, o nella migliore delle ipotesi è rimasto invariato, quello dei ghetti abitati da quelli che per opportunismo definiamo invisibili. Insomma, è come assumere overdose di paracetamolo e non vedere calare la febbre.

A fronte di questo mismatch tra rimedio e male, questo schieramento trasversale pro-sanatoria continua, imperterrito come nulla fosse sempre sulla stessa strada. Tant’è che nel recente Decreto Rilancio Italia, ha trovato posto un discusso provvedimento di regolarizzazione presentato come necessario per rispondere durante la pandemia alla mancanza di manodopera straniera stagionale nei campi e garantire il diritto alla salute e al lavoro legale degli immigrati irregolari soprattutto nel settore agricolo. Cosa che, purtroppo, non è servito, ancora una volta, ad evitare il prevedibile, ennesimo disastro di Mondragone.

Sui rifugiati è ora di decidere

Una strana asimmetria domina il dibattito politico sui rifugiati. A livello internazionale, infatti, si parla molto del loro spaventoso aumento (80 milioni) ma si tace sul che fare e su come intervenire per riuscire ad assicurare un minimo di tutela a questo sterminato esercito uomini, donne e bambini in cerca di asilo dai quattro angoli del Pianeta.

La ragione di tanto disastro è, nella sua drammaticità, chiara e semplice. Dalla metà degli anni Novanta del secolo scorso, infatti, assistiamo al moltiplicarsi di crisi umanitarie senza soluzione. Dalla Siria, alla Somalia, passando la Libia e il Camerun, fino ad arrivare al Venezuela, registriamo conflitti che non trovano tregua, obbligando migliaia di individui e di famiglie a cercare protezione dentro e fuori dei loro confini nazionali.

Se tutto ciò è vero come si spiega il silenzio su come affrontare questa emergenza umanitaria senza precedenti? Domanda alla quale, nei limiti consentiti da un breve articolo, proveremo a rispondere.

Partiamo dal fatto che la Convenzione di Ginevra del 1951, pivot della governance dei rifugiati nel mondo, mostra ogni giorno di più i danni dell’età. Prova ne è il fatto che oggi a dettare i tempi ed i modi della concessione dello status di profugo nei paesi che nel 1951 sottoscrissero quell’intesa è il caso più che i suoi articoli. A denunciare questa anomalia che mette a repentaglio l’incolumità di molti soggetti vulnerabili era stato poche settimane fa un dettagliato reportage di Matt Katz sull’autorevole rivista americana The Atlantic. Che per offrire ai lettori un esempio concreto di come la Convenzione di Ginevra funzioni poco e male, ha dato voce e conto della sorte che spetta ai fortunati che riescono a fuggire dalla gravissima, e dimenticata, guerra civile tra anglofoni e francofoni in Camerun. Si scopre così che per i richiedenti asilo camerunensi la probabilità di ottenere all’estero lo status rifugiato dipende più dalla porta alla quale bussano che dalle condizioni oggettive nelle quali si trovano. Facile, ad esempio, essere accolti in Svezia, molto più complicato in Giappone. Visto che Tokyo, in media, ogni anno accoglie non più di 20 richieste di asilo.

Sono due le ragioni che spiegano la profonda divergenza che a livello internazionale regna sull’interpretazione di chi risponde alla suddetta definizione.

La prima: molti governi, vista il vento anti-immigrazione che tira, aggravata dalla pandemia, giocano sui cavilli burocratici per rigettare e negare le domande d’asilo. Come fa, ad esempio, una donna fuggita di nascosto e senza documenti di identità, a dimostrare di essere stata abusata in patria perché appartenente a un determinata minoranza etnica? E, allo stesso tempo, come fanno i governi a smascherare chi si presenta come rifugiato ma tale non è?

La seconda: quando la Convenzione di Ginevra del 1951 fu firmata, il rifugiato era per lo più un soggetto vittima dello Stato in cui era nato. Dal quale doveva essere protetto. Oggi non è sempre così. Perché al netto di chi fugge dalla guerra (es. i siriani), sono emerse nuove categorie di potenziali rifugiati che mezzo secolo fa nessuno considerava come tali. Dai perseguitati per il loro orientamento sessuale a quelli che subiscono le gravi conseguenze dei cambiamenti climatici, fino ad arrivare alle vittime di violenze domestiche o private. Di questo universo mondo è, forse, ora di parlare. Ma nessuno dei big player internazionali ha la forza o la voglia, per le ragioni di cui sopra, di promuovere un new deal sui rifugiati che possa portare a un aggiornamento della Convenzione siglato ormai 70 anni fa. Un’occasione persa, tanto più che autorevoli esperti mondiali di diritto d’asilo hanno da tempo proposto soluzioni concrete per risolvere almeno una parte dei problemi fin qui esposti. Pensiamo, ad esempio, al Professor James C. Hathaway che nel 1997 ha presieduto una Commissione Onu di specialisti della materia che aveva teorizzato l’introduzione di una sorta di corridoi umanitari statali (non gestiti da enti privati) come soluzione al problema della condivisione fra la comunità internazionale degli oneri derivanti dalle emergenze profughi nel pieno rispetto dei diritti di questa speciale e vulnerabile categoria di immigrati forzati.

Per consultare le conclusioni alle quali giunse il panel di studiosi guidati da James C. Hathaway, basta digitare su internet Making International refugee law relevant again: a proposal for collectivized and solution-oriented protection. Il documento, considerato una pietra miliare degli asylum studies contemporanei, proponeva di introdurre a livello globale una netta distinzione tra i luoghi di identificazione dei richiedenti asilo da quelli di accoglienza di coloro cui venisse riconosciuto lo status di rifugiato. Era questa, a loro avviso, l’unica via per evitare che in caso di crisi umanitarie la responsabilità di assistere e proteggere profughi e sfollati, ai sensi della Convenzione di Ginevra del 1951, ricadesse esclusivamente sugli stati limitrofi.

Per capire di cosa parliamo, immaginiamo di applicare questa teoria nello spazio euro-mediterraneo che dalla Primavera Araba del 2011 è il luogo di transito di migliaia di richiedenti asilo e immigrati economici in fuga dall’Africa verso l’Europa. Una pressione migratoria senza precedenti che è gravata, per ragioni geografiche, sugli Stati UE di frontiera, Grecia e Italia in testa, chiamati a svolgere, al contempo, il doppio ruolo di paesi che identificano e accolgono i nuovi arrivati.

Problema che, invece, seguendo le indicazioni della Commissione Hathaway potrebbe essere risolto creando negli stati collaborativi dell’Africa del Nord e di quella subsahariana, sotto l’egida dell’UNHCR e dell’OIM, safety zone dove chiedere asilo senza rischiare la vita. In caso di esito negativo i richiedenti verrebbero rimpatriati nel paese di origine. Mentre, ecco il significato dei sopra citati corridoi umanitari statali, se il parere è positivo i rifugiati verrebbero redistribuiti tra una coalizione di Stati firmatari di un accordo internazionale che li obbliga ad accoglierli pro-quota. Sta qui il passaggio dall’emergenza a una politica ordinata e sicura per chi arriva e chi riceve.