Dopo il Sud è dal Nord che ora si emigra

Continua a crescere il numero di immigrati che si sposta da un paese ricco ad un altro ricco. L'ultimo rapporto OIM rileva infatti che a livello mondiale è salita al 22% la percentuale di immigrati che si sposta da Nord a Nord, tra aree ad alto reddito. Un dato che smentisce il luogo comune secondo cui le migrazioni sono causate solo ed esclusivamente da livelli assoluti di povertà e che non riguardano affatto le regioni più abbienti. A questo va aggiunto che, secondo lo studio che ha utilizzato un sondaggio realizzato dall’Istituto Gallup con oltre 25.000 interviste in 150 nazioni, il progetto migratorio avviene con l'intento di aumentare il benessere e non di sbarcare il lunario. Una controprova del crescente fenomeno risulta dal fatto che le percentuali delle rimesse inviate in madrepatria sono molto basse tra la platea di immigrati del mondo.

In allegato:
  • IOM, World Migration Report 2013
  • Iscriviti alla newsletter: