I democratici corteggiano i clandestini e i latinos si inquietano

I democratici americani con il loro radicalismo sull’immigrazione rischiano oltre a fare il gioco di Trump anche di rompere con quella che dovrebbe rappresentare per loro la “testa d’ariete politica” alle elezioni presidenziali del 2020: la constituency latina. Come dimostra l’esito poco felice dell’incontro svoltosi lo scorso fine settimana tra i candidati alla nomination democratica ed i rappresentanti della potente League of United Latin American Citizens (LULAC). Che non hanno nascosto la propria delusione di fronte al fatto che i vari Bernie Sanders, Elisabeth Warren, Julien Castro e Beto O’Rourke pur divisi su tutto si sono invece trovati d’accordo sull’attaccare il giro di vite sull’immigrazione voluto da Trump. Promettendo non solo di voler cambiare, ammorbidendole, le recenti norme introdotte dall’amministrazione repubblicana contro gli ingressi irregolari, ma di estendere anche ai clandestini i benefici della protezione sanitaria varata tra mille difficoltà da Obama.

Un salto in avanti che, con grande delusione dei relatori, anziché galvanizzare ha preoccupato non pochi tra i delegati della comunità ispanica presenti in platea. Molti dei quali nonostante i lunghi anni di duro lavoro e regolare presenza sul territorio americano essendo ancora privi della protezione sanitaria pubblica hanno segnalato ai quattro big democratici la più viva contrarietà all’idea di essere “saltati” a favore di nuovi arrivati con meno diritti dei loro.

Tanto è vero che in uno dei momenti più caldi del confronto qualcuno dalla platea ha ricordato ad alta voce che nel 2009 il presidente Obama, per vincere l’ostruzionismo dei repubblicani, aveva dichiarato di fronte al Congresso che i benefici previsti della riforma sanitaria non riguardavano i clandestini. La verità, come ha giustamente fatto notare il Presidente della LULAC Dimingo Garcia ai cronisti che l’interrogavano sul perché delle contrapposizioni emerse nel corso dell’incontro appena concluso, è che gli appartenenti alla comunità latino-americana per confermare il tradizionale orientamento elettorale pro democratici si aspettano di sentire dai rappresentanti del partito dell’Asinello proposte concrete sui tanti problemi del loro vivere quotidiano più che tirate ideologiche contro la battaglia dell’immigrazione portata avanti da Trump. Come dire: a buon intenditor poche parole!