In Francia la solidarietà non è più un delitto ma…

“L’aiuto disinteressato al soggiorno, ma non all’ingresso, di un immigrato illegale non è giuridicamente perseguibile”. È quanto stabilito lo scorso venerdì, con una sentenza senza precedenti, dalla Corte costituzionale francese. Che nell’accogliere, in parte, le richieste di alcuni attivisti pro-immigrazione, in testa Cedric Herrou che dalla valle Roya al confine con l’Italia da mesi aiuta gli immigrati a varcare illegalmente le Alpi, ha rispolverato il principio della fraternità, terzo bastione, insieme alla libertà e all’uguaglianza, della democrazia d’Oltralpe.

Un verdetto che ha fatto storcere il naso a molti. Per almeno due ragioni.

La prima: abolisce ma solo parzialmente quello che i supporter delle frontiere aperte definiscono “delitto di solidarietà”. La Suprema Corte d’Oltralpe ha, infatti, sì ribadito il sacrosanto diritto di tutti a dare una mano, chiunque esso sia, al prossimo ma sub-conditione. Specificando, in particolare, che l’aiuto a un immigrato irregolare non deve tradursi in un supporto all’attraversamento illegale delle frontiere. Che, peraltro, configurerebbe una violazione dell’art. 13 della Dichiarazione dei diritti dell’uomo dell’ONU che sancisce lo ius emigrandi ma non lo ius immigrandi: “Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato. Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio, e di ritornare nel proprio paese”.

La seconda: stabilisce che si può dare una mano ai sans papiers ma solo per fini squisitamente umanitari e senza una contropartita diretta o indiretta. Un dettato talmente generico da essere destinato a scatenare, c’è da scommetterlo, un fiume di interpretazioni e contro-interpretazioni.

Giuseppe Terranova

Vice-direttore di West. Docente di Storia e Istituzioni dell'Africa, Geopolitica e Geoeconomia all'Università Niccolò Cusano di Roma. Insegna nei Master in Governo dei flussi migratori e African Studies della Link ...

Iscriviti alla newsletter: