La stretta di Trump non ferma la carovana di immigrati

La carovana di immigrati centroamericani si rimette in marcia verso gli Usa. Dopo una sosta di dieci giorni a Città del Messico, i circa 5 mila originari di Honduras, Guatemala e El Salvador in fuga da criminalità e violenze hanno, infatti, ripreso il loro cammino in direzione Nord. Con un cambio di itinerario.

La destinazione finale non è più lo Stato repubblicano del Texas dove Trump ha schierato 6 mila militari. Ma la California, in maggioranza democratica e in rotta di collisione con l’inquilino della Casa Bianca. Che, intanto, contro gli immigrati che si avvicinano al confine, oltre alle armi, ha affilato anche le norme sull’asilo. Firmando, ieri l’altro, un ordine esecutivo che nega agli immigrati irregolari la possibilità di chiedere asilo negli Stati Uniti.

Grazia De Vincenzis

Giornalista con 25 anni di attività nel mondo dell’informazione cartacea, digitale e radiofonica.

Iscriviti alla newsletter: