La natura fa più profughi delle guerre

Nel 2013 oltre 22 milioni di persone sono state costrette a migrare per via di calamità naturali. Un fenomeno globale in aumento, che causa sfollati 3 volte più delle guerre (8,2 milioni). È questo uno dei dati rilasciati dall'ultimo rapporto dell'IDMC (Internal displacement monitoring centre – Norvegian Refugee Council). Secondo il quale, nessun angolo della terra è immune dai disastri naturali. L'anno scorso il Continente più colpito è stato l'Asia, con 19 milioni di persone sfollate. Un dramma che nelle Filippine, con un solo tifone, ha disperso 4,1 milioni di profughi ambientali.

In allegato:
  • Norwegian refugee centre IDMC - Global estimates 2014. People displaced by disasters
  • Iscriviti alla newsletter: