Londra rischia il caos con gli immigrati UE

Con la deadline di Brexit, la Gran Bretagna rischia anche di dover fronteggiare una colossale crisi migratoria. Perché costretta a regolarizzare gli oltre 3,5 milioni di cittadini Ue residenti nel Regno Unito. Infatti venuto meno il principio della libera circolazione, al governo di Londra non resta altra scelta. Come scrive la rivista americana The Atlantic l’operazione presenta delle dimensioni burocratiche colossali. Che rischia di far precipitare l’immigration di Sua Maestà nel caos più totale.

La situazione è questa. I cittadini europei hanno tempo fino a giugno 2021 per richiedere lo status regolare nel Regno Unito, il cosiddetto EU Settlement Scheme. Mentre quelli di Downing Street affermano di aver semplificato al massimo la procedura anche grazie a una app costata 175 milioni di sterline, qualcosa, però, non sta funzionando. Innanzitutto perché l'applicazione mobile è utilizzabile solo su dispositivi Android più recenti. Mentre più della metà della popolazione utilizza smartphone con sistema operativi diversi. Inoltre le procedure sono complesse. Quindi per molti cittadini europei, che pagano regolarmente le tasse nel Paese, ma non hanno un telefonino Andraoid o dimestichezza con la tecnologia, si concretizza il rischio di finire nel limbo dei senza diritti. Infatti secondo il think-tank British Future un terzo dei 3,5 milioni di europei che vive nel Regno Unito, in particolare anziani e persone con scarse sconoscenze di inglese e informatica, potrebbe non riuscire a compilare la domanda.

È vero che per affrontare questo problema il Ministero dell'Interno ha istituito 27 centri di scansione di documenti. Ma evidentemente non bastano. In tutta la Scozia, ad esempio, ce ne è solo uno a Edimburgo. Il rischio di un nuovo scandalo Windrush si fa più concreto. Con la differenza che, mentre lo scorso anno la precipitosa espulsione per mancanza di documenti validi coinvolse migliaia di immigrati delle ex colonie caraibiche, stavolta a finire sulla lista nera saranno gli europei.

Grazia De Vincenzis

Giornalista con 25 anni di attività nel mondo dell’informazione cartacea, digitale e radiofonica.

Iscriviti alla newsletter: