Negli USA anche se non sai l’inglese ti danno la cittadinanza

Più del 30% dei cittadini americani di origine immigrata non sa né leggere né scrivere in inglese. Cosa che spesso ne ostacola il processo di integrazione sociale ed economica. È quanto emerge dall’ultimo  rapporto del Center for Immigration Studies. Che, analizzando le competenze linguistiche di un vasto campione di stranieri che hanno acquisito lo status civitatis USA, ha scoperto che ben 5 milioni, di cui la metà ispanici, è un pessimo English speaker and writer. La ragione? Secondo gli esperti, l’inadeguatezza dei test finora somministrati dalle autorità per l’ottenimento della cittadinanza. Prove che consistono soltanto nel richiedere al candidato di leggere e scrivere correttamente in inglese appena una frase su tre di quelle proposte durante la valutazione. Criteri che – sottolineano gli autori – non soddisfano minimamente i livelli attesi dai parametri internazionali stabiliti dal programma PIAAC firmato OCSE. Secondo il quale, “è necessario comprendere e saper usare la lingua in modo appropriato in diversi contesti per poter partecipare attivamente alla vita sociale ed economica del paese, raggiungere i propri obiettivi, sviluppare le proprie potenzialità”.

Iscriviti alla newsletter: