Oltre 10mln di apolidi nel mondo, parte campagna ONU

Ci sono oltre 10 milioni di apolidi in tutto il mondo. L'agenzia ONU per i rifugiati ha appena lanciato una campagna globale per contrastare l'apolidia - un limbo giuridico che impedisce alle persone di avere cittadinanza e diritti umani. L'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha collaborato con United Colors of Benetton per creare I Belong, con lo scopo di richiamare l'attenzione mondiale sulle conseguenze dello stato di apolide e di porre fine a questa condizione entro 10 anni. Ogni 10 minuti, sottolinea l'UNHCR, nasce un bambino apolide. A cui vengono spesso negati diritti e servizi normalmente offerti dalle nazioni di tutto il mondo. Nonostante alcuni progressi, nuovi rischi di apolidia sono emersi a seguito del crescente numero di conflitti, come nella Repubblica centrafricana e in Siria. Senza pensare che in alcuni paesi basterebbe cambiare un paio di commi nella legge sulla cittadinanza – mentre in altri è un problema politicamente più complesso. Negli ultimi dieci anni, comunque, 4 milioni di apolidi sono stati in grado di acquisire una cittadinanza in seguito a cambiamenti legislativi e politici.

In allegato:
  • UNHCR - Ending Statelessness Within 10 Years - novembre 2014
  • Iscriviti alla newsletter: