Quante sono in Italia le imprese immigrate?

L’imprenditoria immigrata, secondo i dati diffusi da Unioncamere, cresce ad un ritmo 5 volte superiore a quella italiana. Con un numero di aziende che è il 9,6% del totale. In base ai dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio, infatti, nel 2017 è stata raggiunta la quota record di 590mila attività. Il loro numero è cresciuto di 19.197 unità (il 42% dell'intero saldo annuale) come risultato del saldo tra 57.657 aperture e 38.460 chiusure, corrispondente ad un tasso di crescita del 3,4%, contro lo 0,75% fatto registrare dalle aziende italiane. Per valutare appieno l’importanza di questo fenomeno basta osservare che senza il loro contributo, in regioni quali Toscana, Veneto, Liguria e Marche, il saldo delle imprese sarebbe stato negativo o, nel caso di Piemonte ed Emilia-Romagna, addirittura catastrofico.

Il settore in cui gli imprenditori stranieri sono più presenti è il commercio al dettaglio (circa 162mila, il 19% di tutte le aziende del settore), seguito dalle costruzione (109mila, il 21% del totale) e dai servizi di ristorazione (poco più di 43mila unità, pari all’11% dell’intero comparto). Mentre quello in cui sono più concentrati sono le telecomunicazioni 3.627 aziende che rappresentano il 33.6% del totale.

Sul territorio nazionale la regione in cui le imprese immigrate sono più numerose è la Lombardia (114mila), seguita dal Lazio (77mila) e dalla Toscana (55mila), con Prato che si conferma la provincia con la maggiore concentrazione (il 27,8%). La Campania, invece, registra il tasso di crescita più elevato (+6,1% in regione, +9,6 a Napoli).

Il report di Unioncamere consente anche di ridisegnare la mappa dell’immigrazione in Italia. Tra i Paesi di provenienza quello più rappresentato è il Marocco, con 68.259 imprese individuali esistenti, a seguire la Cina (52.075) e la Romania (49.317). Mentre dall’analisi del territorio si scopre che alcune nazionalità hanno eletto delle “piccole patrie” imprenditoriali in alcune province italiane: a Milano egiziani e cinesi; a Roma bengalesi e romeni; a Torino marocchini; a Napoli pachistani.

Grazia De Vincenzis

Giornalista con 25 anni di attività nel mondo dell’informazione cartacea, digitale e radiofonica.

Iscriviti alla newsletter: