Sui rifugiati è ora di decidere

Una strana asimmetria domina il dibattito politico sui rifugiati. A livello internazionale, infatti, si parla molto del loro spaventoso aumento (80 milioni) ma si tace sul che fare e su come intervenire per riuscire ad assicurare un minimo di tutela a questo sterminato esercito uomini, donne e bambini in cerca di asilo dai quattro angoli del Pianeta.

La ragione di tanto disastro è, nella sua drammaticità, chiara e semplice. Dalla metà degli anni Novanta del secolo scorso, infatti, assistiamo al moltiplicarsi di crisi umanitarie senza soluzione. Dalla Siria, alla Somalia, passando la Libia e il Camerun, fino ad arrivare al Venezuela, registriamo conflitti che non trovano tregua, obbligando migliaia di individui e di famiglie a cercare protezione dentro e fuori dei loro confini nazionali.

Se tutto ciò è vero come si spiega il silenzio su come affrontare questa emergenza umanitaria senza precedenti? Domanda alla quale, nei limiti consentiti da un breve articolo, proveremo a rispondere.

Partiamo dal fatto che la Convenzione di Ginevra del 1951, pivot della governance dei rifugiati nel mondo, mostra ogni giorno di più i danni dell’età. Prova ne è il fatto che oggi a dettare i tempi ed i modi della concessione dello status di profugo nei paesi che nel 1951 sottoscrissero quell’intesa è il caso più che i suoi articoli. A denunciare questa anomalia che mette a repentaglio l’incolumità di molti soggetti vulnerabili era stato poche settimane fa un dettagliato reportage di Matt Katz sull’autorevole rivista americana The Atlantic. Che per offrire ai lettori un esempio concreto di come la Convenzione di Ginevra funzioni poco e male, ha dato voce e conto della sorte che spetta ai fortunati che riescono a fuggire dalla gravissima, e dimenticata, guerra civile tra anglofoni e francofoni in Camerun. Si scopre così che per i richiedenti asilo camerunensi la probabilità di ottenere all’estero lo status rifugiato dipende più dalla porta alla quale bussano che dalle condizioni oggettive nelle quali si trovano. Facile, ad esempio, essere accolti in Svezia, molto più complicato in Giappone. Visto che Tokyo, in media, ogni anno accoglie non più di 20 richieste di asilo.

Sono due le ragioni che spiegano la profonda divergenza che a livello internazionale regna sull’interpretazione di chi risponde alla suddetta definizione.

La prima: molti governi, vista il vento anti-immigrazione che tira, aggravata dalla pandemia, giocano sui cavilli burocratici per rigettare e negare le domande d’asilo. Come fa, ad esempio, una donna fuggita di nascosto e senza documenti di identità, a dimostrare di essere stata abusata in patria perché appartenente a un determinata minoranza etnica? E, allo stesso tempo, come fanno i governi a smascherare chi si presenta come rifugiato ma tale non è?

La seconda: quando la Convenzione di Ginevra del 1951 fu firmata, il rifugiato era per lo più un soggetto vittima dello Stato in cui era nato. Dal quale doveva essere protetto. Oggi non è sempre così. Perché al netto di chi fugge dalla guerra (es. i siriani), sono emerse nuove categorie di potenziali rifugiati che mezzo secolo fa nessuno considerava come tali. Dai perseguitati per il loro orientamento sessuale a quelli che subiscono le gravi conseguenze dei cambiamenti climatici, fino ad arrivare alle vittime di violenze domestiche o private. Di questo universo mondo è, forse, ora di parlare. Ma nessuno dei big player internazionali ha la forza o la voglia, per le ragioni di cui sopra, di promuovere un new deal sui rifugiati che possa portare a un aggiornamento della Convenzione siglato ormai 70 anni fa. Un’occasione persa, tanto più che autorevoli esperti mondiali di diritto d’asilo hanno da tempo proposto soluzioni concrete per risolvere almeno una parte dei problemi fin qui esposti. Pensiamo, ad esempio, al Professor James C. Hathaway che nel 1997 ha presieduto una Commissione Onu di specialisti della materia che aveva teorizzato l’introduzione di una sorta di corridoi umanitari statali (non gestiti da enti privati) come soluzione al problema della condivisione fra la comunità internazionale degli oneri derivanti dalle emergenze profughi nel pieno rispetto dei diritti di questa speciale e vulnerabile categoria di immigrati forzati.

Per consultare le conclusioni alle quali giunse il panel di studiosi guidati da James C. Hathaway, basta digitare su internet Making International refugee law relevant again: a proposal for collectivized and solution-oriented protection. Il documento, considerato una pietra miliare degli asylum studies contemporanei, proponeva di introdurre a livello globale una netta distinzione tra i luoghi di identificazione dei richiedenti asilo da quelli di accoglienza di coloro cui venisse riconosciuto lo status di rifugiato. Era questa, a loro avviso, l’unica via per evitare che in caso di crisi umanitarie la responsabilità di assistere e proteggere profughi e sfollati, ai sensi della Convenzione di Ginevra del 1951, ricadesse esclusivamente sugli stati limitrofi.

Per capire di cosa parliamo, immaginiamo di applicare questa teoria nello spazio euro-mediterraneo che dalla Primavera Araba del 2011 è il luogo di transito di migliaia di richiedenti asilo e immigrati economici in fuga dall’Africa verso l’Europa. Una pressione migratoria senza precedenti che è gravata, per ragioni geografiche, sugli Stati UE di frontiera, Grecia e Italia in testa, chiamati a svolgere, al contempo, il doppio ruolo di paesi che identificano e accolgono i nuovi arrivati.

Problema che, invece, seguendo le indicazioni della Commissione Hathaway potrebbe essere risolto creando negli stati collaborativi dell’Africa del Nord e di quella subsahariana, sotto l’egida dell’UNHCR e dell’OIM, safety zone dove chiedere asilo senza rischiare la vita. In caso di esito negativo i richiedenti verrebbero rimpatriati nel paese di origine. Mentre, ecco il significato dei sopra citati corridoi umanitari statali, se il parere è positivo i rifugiati verrebbero redistribuiti tra una coalizione di Stati firmatari di un accordo internazionale che li obbliga ad accoglierli pro-quota. Sta qui il passaggio dall’emergenza a una politica ordinata e sicura per chi arriva e chi riceve.

Giuseppe Terranova

Vice-direttore di West. Docente di Storia e Istituzioni dell'Africa, Geopolitica e Geoeconomia all'Università Niccolò Cusano di Roma. Insegna nei Master in Governo dei flussi migratori e African Studies della Link ...

Iscriviti alla newsletter: