Sull’immigrazione la Chiesa è per la terza via

Da quello che si apprende dai giornali la strana coppia Di Maio-Salvini sul punto dell’immigrazione non ha letto la lettera “Comunità accoglienti, uscire dalla paura” pubblicata ieri dalla Conferenza Episcopale Italiana (Cei). Il documento, che traccia le linea guida dei Vescovi sull’immigrazione, è vivamente consigliato a chi, su questo tema, all’imprudenza e al semplicismo, predilige il buon senso e la ragione.

Siamo consapevoli – si legge nella missiva – che il periodo di crisi che sta ancora attraversando il nostro paese rende più difficile l’accoglienza, perché l’altro è visto come un concorrente e non come un’opportunità”. Secondo gli alti prelati “esistono dei limiti all’accoglienza […] imposti da una reale possibilità di offrire condizioni abitative, di lavoro e di vita dignitose”. Non per questo - ecco le conclusioni - bisogna cedere alle paure ma cominciare a considerare lo straniero da nemico (hostis) a ospite (hospis).

Quanto basta per spiazzare, in un sol colpo, quelli che, da destra, dicono sempre e comunque no all’immigrazione. Ma anche i tanti che, da sinistra, si stracciano le vesti e gridano al tradimento contro chiunque ritiene che l’immigrazione debba essere regolata e governata.

Una presa di posizione, quella della Cei, tanto più rilevante perché in linea con le dichiarazioni espresse lo scorso settembre dal Papa. Che nel viaggio di ritorno dalla Colombia, segnando un cambio di rotta rispetto alla vulgata di una Chiesa aperturista tout court, aveva affermato che la politica migratoria per essere buona deve regolare il numero degli ingressi in base alle capacità di un paese di garantire, con un’accoglienza degna di questo nome, una efficace integrazione dei nuovi arrivati.

Quella che arriva da Oltretevere è, dunque, una proposta ragionevole e meritevole di attenzione da parte di chi pensa che ciò che accade nel mondo dell’immigrazione non va bene.

Giuseppe Terranova

Vice-direttore di West. Docente di Storia e Istituzioni dell'Africa, Geopolitica e Geoeconomia all'Università Niccolò Cusano di Roma. Insegna nei Master in Governo dei flussi migratori e African Studies della Link ...

Iscriviti alla newsletter: