Sull’immigrazione un piccolo grande esperimento parte da Fiumicino

La lotta al Covid ha fatto passare sotto traccia in Europa una novità assoluta sull’immigrazione. E che ha come protagonista l’Italia. Lo scorso 3 febbraio, infatti, l’aeroporto di Fiumicino è diventato il primo scalo europeo ove opera una task force congiunta della nostra Polizia e degli agenti di Frontex, l’Agenzia UE per il controllo delle frontiere esterne. Questa inedita squadra speciale ha la mission di eseguire operazioni di transito e rimpatrio degli immigrati destinatari di misure di allontanamento adottate dall’Italia o da altri Stati membri.

L’iniziativa, che presto verrà estesa al resto d’Europa, rappresenta un decisivo passo, anche se da molti incompreso, verso un vero processo di europeizzazione delle politiche migratorie dei 27 Stati UE.

Innanzitutto perché essa testimonia uno dei pochi casi in cui i Paesi del Vecchio Continente cedono, o quantomeno condividono, a un’agenzia sovranazionale le competenze su una materia che l’unanimità delle Cancellerie europee ha storicamente considerato di esclusiva prerogativa nazionale. Se non è una rivoluzione, poco ci manca. Non foss’altro perché questo sia pur circoscritto salto di qualità potrebbe consentire di superare quello che taluni esperti hanno definito il paradosso di Schengen. Che ha imposto agli Stati UE sotto pressione migratoria come l’Italia, l’onere di sorvegliare una frontiera che formalmente è nazionale, ma nei fatti è europea visto che l’ingresso ad esempio nel nostro Paese può consentire di circolare liberamente nel resto d’Europa.

Secondariamente, l’organizzazione di rimpatri sotto l’egida di Frontex, consentirebbe ai governi nazionali di ridurre il danno in termini di consenso prodotto da operazioni di polizia nazionali che spesso dividono e contrappongono l’opinione pubblica tra gli estremisti del tutti fuori e quelli del tutti dentro.

Infine, l’esperimento di Fiumicino potrebbe, inoltre, attutire una delle più aspre contese degli ultimi anni tra gli Stati di frontiera dell’Europa mediterranea e quelli del Nord. Alle accuse da parte dei primi di mancanza di solidarietà, i secondi hanno spesso risposto di essere disponibili a ricevere una parte dei richiedenti asilo arrivati al Sud, ma non gli immigrati irregolari da rimpatriare hic et nunc.

Intendiamoci, è vero che anche se l’esperimento di Fiumicino dovesse diventare strutturale su scala europea, saremmo solo a metà del cammino. Ma come è sempre accaduto nella storia UE, è buscando l’Oriente per l’Occidente che si arriva alla metà, cioè, in questo caso, a una matura politica europea dell’immigrazione che preveda anche l’introduzione di canali UE legali di ingresso per immigrati economici e richiedenti asilo.