Usano le università per incastrare i clandestini

Nella lotta all’immigrazione clandestina l’amministrazione Trump non finisce mai di stupire. Per sgominare il traffico di visti illegali concessi a studenti stranieri, il Dipartimento della Sicurezza nazionale è giunto perfino a creare una falsa università. A rivelare l’incredibile storia è stato il quotidiano online Detroit Free Press che con dovizia di particolari ha raccontato come l’operazione durata più di 10 mesi ha portato all’arresto di 250 falsi studenti, in maggioranza indiani, e di 8 “reclutatori”. A gestire il campus universitario di Farmington, nel Michigan, erano gli agenti dell’Immigration and Custom Enforcement (ICE), l’agenzia federale responsabile del controllo della sicurezza delle frontiere e dell’immigrazione.

Il falso ateneo poteva trarre in inganno chiunque. Il sito web recava il logo dell’istituto con tanto di motto latino “Scientia et Labour”, ovvero “conoscenza e lavoro”, e pubblicizzava il programma noto come Curricular Practical Training (CPT), che consente agli studenti stranieri in possesso del visto F-1 di lavorare negli Stati Uniti. E proprio questo programma ha permesso a centinaia di immigrati di risiedere negli USA perché iscritti a un corso di studio universitario certificato. Peccato, però, che l’Università di Farmington fosse finta e funzionasse da “esca” per un’operazione sotto copertura dell’ICE, tesa a stroncare le frodi legate all’immigrazione clandestina. E infatti le otto persone arrestate, che avevano l’incarico di selezionare gli studenti, sono accusate di aver aiutato almeno 600 cittadini stranieri a risiedere illegalmente negli Stati Uniti grazie a un permesso di soggiorno ottenuto in modo fraudolento. Inoltre gli otto “reclutatori” avrebbero ricevuto collettivamente 250.000 dollari per trovare studenti disposti a frequentare l’ateneo, senza rendersi conto che i pagamenti venivano fatti dall’ICE. Anche gli studenti iscritti erano consapevoli che il programma era illegale, e che in realtà l’Università di Farmington era un clamoroso “fake”. Secondo il quotidiano di Detroit il falso college aveva iniziato a operare nel 2015 nell’ambito di un’operazione chiamata Paper Chase, intensificata con la presidenza Trump.

E così si è scoperto che il caso di Farmington non era isolato. Un’identica operazione è stata infatti portata a termine anche nel New Jersey. Dove i “federali” hanno arrestato 21 persone per frodi legate a falsi permessi di soggiorno per studio e lavoro . Anche in questo caso a fare da esca è stato un finto ateneo, l’ University of Northern New Jersey.

Grazia De Vincenzis

Giornalista con 25 anni di attività nel mondo dell’informazione cartacea, digitale e radiofonica.

Iscriviti alla newsletter: